A tutti i nostri allievi e allieve,

ai genitori

e ai docenti e formatori

Torino, 17 febbraio 2020

Carissimi studenti e genitori,

oggi mi soffermo su alcune notizie di famiglia.

Innanzi tutto faccio i complimenti al gruppo degli studenti di IV Elettronica, che la scorsa settimana ha vinto il Premio Innovazione 4.0 alla Fiera di Torino dedicata a Innovazione, Tecnologie e Competenze. La giuria ha apprezzato l’intuizione e la realizzazione del progetto, nato dall’esperienza concreta della difficoltà a completare l’attraversamento pedonale e pensato in funzione delle persone che si trovano maggiormente a disagio in quelle situazioni (disabili, anziani…).  Il progetto si chiama Smart-Foro: semaforo intelligente, capace di regolare la lunghezza del verde sui bisogni della persona. Bravi! E grazie per averlo realizzato e presentato in pubblico nel contesto della Fiera.

La seconda notizia riguarda il mondo salesiano. Nei giorni scorsi sono arrivati a Torino nella nostra Casa Madre di Valdocco, quasi 250 salesiani. Provengono da tutto il mondo, in quanto siamo presenti in 134 nazioni, cioè in tutti e cinque i Continenti. Per rappresentanza di nazionalità sembra un’olimpiade, ma non si trovano né per gareggiare e raccogliere medaglie e onori, né per stabilire chi è più bravo. È un evento che si realizza ogni 6 anni e si chiama Capitolo Generale. Questo è il 28°, ai primi capitoli ha partecipato lo stesso don Bosco. Questi salesiani vi partecipano alcuni di diritto per il servizio di autorità che svolgono, altri eletti come rappresentanti di territori e nazioni, e staranno a Torino sette settimane, fino al 4 aprile. Dal Piemonte Valle d’Aosta e Lituania (è la nostra Ispettoria, cioè il nostro territorio di riferimento) partecipano il Superiore don Enrico Stasi, di diritto, e tre confratelli eletti. Il Capitolo Generale 28 si concentrerà in particolare su due compiti: la riflessione sul tema principale, dal titolo «Quali salesiani per i giovani di oggi?»; l’elezione del Rettor Maggiore (è il successore di Don Bosco, viene eletto o rieletto ogni sei anni) e del Consiglio Generale.

Di fronte alla situazione del mondo e dei giovani di oggi, con i rapidi cambiamenti di cui siamo testimoni e consapevoli delle nuove sfide che ne derivano, noi salesiani ci chiediamo come formarci, come attrezzarci, come organizzarci e con quale spirito e pedagogia intendiamo continuare la missione di don Bosco a favore dei giovani. È un tema che riguarda noi salesiani, ma che riguarda anche voi, cari giovani e famiglie. Noi desideriamo essere all’altezza di don Bosco e della missione che Dio ci ha affidato. Voi pregate perché questo avvenga.

Grazie! Buona settimana!

Don Claudio Belfiore

Direttore

Recent Posts